CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news da e su Milano

Cerca nel blog

venerdì 8 dicembre 2017

Vanini protagonista nelle strade milanesi con la nuova campagna Out of Home


VANINI PROTAGONISTA NELLE STRADE MILANESI CON LA NUOVA CAMPAGNA OUT OF HOME

Nel mese di dicembre cittadini e turisti potranno viaggiare sui "Veloleo" e sugli storici tram di Milano brandizzati Vanini

La campagna è stata creata in collaborazione con MediaXchange, che ha selezionato per ICAM soluzioni pubblicitarie offline e online per la promozione del brand Vanini

Milano, dicembre 2017 - Prende il via la campagna Out of Home di Vanini, premium brand di ICAM, azienda italiana di riferimento per la lavorazione del cacao e la produzione di cioccolato di alta qualità. La campagna, volta ad avvicinare il marchio al consumatore e favorire il trial di prodotto, vedrà Vanini presidiare le vie centrali di Milano attraverso la brandizzazione dei Veloleo, i "cabin taxi" a tre ruote con pedalata assistita che stanno diffondendosi in numerose grandi città Italiane ed Europee, e di uno degli storici tram milanesi.

La campagna si svilupperà in due atti entrambi previsti nel mese di dicembre: nei primi quindici giorni del mese, 5 Veloleo con una vestizione firmata Vanini gireranno per il centro di Milano offrendo passaggi gratuiti a cittadini e turisti, e facendo sampling di prodotto. Inoltre, per tutto il mese di dicembre, la linea tram numero 2 mostrerà lo storico mezzo con una livrea interamente firmata Vanini, il cui focus sarà in particolare sulla linea di praline "Gourmet" e le nuove "Dolce Vita".

L'attività Out of Home sarà supportata inoltre da nuove creatività per una campagna pubblicitaria offline su stampa consumer e specializzata, e una campagna online sul circuito Citynews.

La campagna è stata studiata in collaborazione con MediaXchange, società indipendente specializzata in media planning & buying, con cui ICAM ha da poco siglato un accordo di collaborazione per il periodo 2017-2018. MediaXchange, che fa parte della holding svizzera MediaLease, è stata incaricata di sviluppare progetti media multicanale per la promozione sia del brand che dei prodotti.

"La nostra indipendenza nella scelta delle soluzioni media, l'esperienza consolidata nel settore del food, le aziende che operano nel made in Italy per cui lavoriamo e non da ultimo Expo 2015: queste credenziali ci hanno portato ad essere un partner valido e trasparente per ICAM. Siamo orgogliosi di poter contribuire, con il nostro know-how, al business di un'azienda italiana rinomata per la qualità unica dei suoi prodotti e per la varietà delle sue gamme", commenta il management MediaXchange in merito alla recente collaborazione con ICAM.


--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 3 dicembre 2017

SHARITALY 2017 | 5 DICEMBRE, ORE 19.00: Laboratori gratuiti aperti al pubblico sull'HOME SHARING | BASE Via Bergognone 34, Milano

Sharitaly 2017 | Platforms in action
5 e 6 dicembre, BASE Milano

Martedì 5 e mercoledì 6 dicembre 2017 torna a BASE Milano l'appuntamento annuale con Sharitaly, la due giorni dedicata alla sharing economy alla sua quinta edizione dal titolo Platforms in action.

Tra le novità di quest'anno - fra dibattiti, case studies e workshop, master class di alta formazione - laboratori serali aperti al pubblico sull'arte dell'"home sharing", a cura dell'associazione OspitaMi – ETS e "ViciniSimpara", il mentoring di San Gottardi Mesa Montegani Social Street Milano.

Martedì 5 dicembre dalle ore 19.00 alle ore 21.00:

Home Sharing: mettersi in regola in Lombardia
Con: F. Bontadini e L. Chessa (OspitaMI)

Home Sharing: la community
Con: C. Acchiardi e P. Ottolini (OspitaMI)

Home Sharing: restare in regola in Lombardia
Con: L. Celante e P. Rella (OspitaMI)

ViciniSimpara
il mentoring di San Gottardo Mesa Montegani Social Street Milano


INGRESSO GRATUITO


BASE
Via Bergognone, 34 Milano


Martedì 5 e mercoledì 6 dicembre 2017 torna a BASE Milano l'appuntamento annuale con Sharitaly, la due giorni dedicata alla sharing economy alla sua quinta edizione dal titolo Platforms in action. Dal 2013 evento leader in Italia sull'economia della collaborazione, Sharitaly è curato e organizzato dall'associazione Collaboriamo (che offre consulenza e servizi sulla sharing economy) e TRAILab (laboratorio di ricerca sulle azioni trasformative dell'Università Cattolica di Milano), con l'obiettivo di promuovere il dibattito e lo scambio di pratiche favorendo la contaminazione tra comunità, piattaforme, amministrazioni e aziende.

Sharitaly è patrocinato dal Comune di Milano e sostenuto in qualità di Sponsor principale da Leroy Merlin - realtà che crede nell'economia collaborativa come importante asset del suo rinnovato DNA di azienda-piattaforma -, cui si aggiungono tra gli altri CNA Lombardia, Housers, Alleanza delle cooperative italiane e Reale Group. Sharitaly è ospitato per il terzo anno consecutivo negli spazi di BASE Milano, tra i partner della due giorni, la cui missione dedicata all'innovazione e alle nuove industrie creative è affine alle tematiche trattate.

Sharitaly 2017 - Platforms in Action si pone prima di tutto come luogo di ritrovo. Un momento in cui studiosi, operatori, progettisti si riuniscono per riflettere, osservare, ma anche, soprattutto, per mettere in condivisione esperienze e capire a che punto e come si stanno evolvendo le pratiche collaborative. Un'analisi che va ad indagare il modello piattaforma, servizio tipico dell'economia collaborativa, che sempre di più si sta affermando come esempio di crescita non solo di nuovi servizi ma anche di nuove filiere, nuove organizzazioni, e nuovi modi di stare insieme. Un modello che propone l'abilitazione, la relazione, la condivisione di valori, la creazione di comunità e che può essere fortemente inclusivo ma anche aprire a nuove diseguaglianze e marginalizzazioni. Un sistema che nel nostro Paese fatica a crescere, ma che tuttavia si sta affermando come proposta per innovare servizi e offerta tradizionale. Scale up e internazionalizzazione, nuovi luoghi collaborativi, fiducia e reputazione, welfare territoriale e aziendale, strategia e organizzazione, lavoro e nuove professioni, disegno e usabilità, platform cooperativism saranno alcuni dei principali temi affrontati dall'edizione di quest'anno.

Il programma inizia con tre master class di alta formazione - di quattro ore ciascuna sui nuovi modelli organizzativi e di marketing e il modello piattaforma -, seguite da una sessione plenaria in cui si affronteranno le tematiche relative al presente e al futuro dell'economia collaborativa e una serie di laboratori, e lezioni tenute da professionisti del settore con l'obiettivo di condividere esperienze per individuare nuove proposte e soluzioni.

Analisi, riflessioni e tavoli di lavoro. Quali sono i servizi che funzionano e perchè? Come crescere: scalare o replicare? Come aprire nuovi mercati? Come progettare una piattaforma capace di portare innovazione di mercato ma anche sociale? Come l'esperienza utente può diventare l'espressione del valore del servizio? E' possibile crescere mantenendo alti propositi narrativi? Come i dati possono garantire maggiore sicurezza e non costituire una minaccia per gli utenti? I sistemi di reputazione favoriscono davvero la fiducia tra pari? A queste e altre domande si proverà a dare risposta durante il convegno privilegiando una dimensione applicativa - "how to" (come fare) – con l'obiettivo di spiegare e condividere quanto già si sta facendo e quanto ancora si vuole fare.

Laboratori e formazione. Novità di questa edizione saranno le master class di alta formazione e una serie di laboratori serali aperti al pubblico sull'arte dell'"home sharing" – come mettersi in regola, le community e tutto quello che c'è da sapere – a cura dell'associazione OspitaMi – ETS preceduti da un aperitivo di benvenuto.
Per le aziende workshop dedicati ai processi di creazione di una piattaforma collaborative e ai prodotti per approfondire nuovi modelli organizzativi e di marketing.

Chiuderà la proposta culturale del convegno una mostra di illustrazioni sul tema della collaborazione e un'esposizione dei lavori degli studenti del Politecnico sugli spazi commerciali del futuro dove si osserva una forte forma di ibridazione tra servizi commerciali e logiche collaborative.

Sharitaly si rivolge a un ampio pubblico, non solo di addetti ai lavori: aziende e professionisti, che vogliono approfondire le opportunità offerte dall'economia collaborativa per innovare i propri servizi o processi; startupper che desiderano confrontarsi con altri operatori e apprendere dalle esperienze degli altri; tutti coloro che stanno progettando un servizio collaborativo o che lo stanno già sperimentando; imprese sociali, associazioni e istituzioni del terzo settore che vogliono saperne di più sull'economia collaborativa e sul modello piattaforma; studenti che vogliono approfondire l'economia collaborativa e il modello piattaforma

Chi siamo. Sharitaly è (naturalmente) un evento collaborativo con contributi di ricercatori e università, aziende, consulenti, soggetti privati della sharing economy. Coordinano i lavori Marta Mainieri di Collaboriamo, organizzazione che offre contenuti, formazione e progettazione sull'economia collaborative di piattaforma e Ivana Pais, TRAILab, Università Cattolica del Sacro Cuore.

Collaboriamo
Collaboriamo si occupa di sharing economy offrendo contenuti, studi, formazione e consulenza a startup, aziende e amministrazioni pubbliche che vogliano conoscere e approfondire le opportunità offerte dall'economia della collaborazione, progettare un nuovo servizio o sviluppare partnership con le pratiche esistenti.

TRAILab
Transformative Actions Interdisciplinary Laboratory (TRAILab) è un laboratorio dell'Università Cattolica del Sacro Cuore orientato alla co-produzione di conoscenza a elevato impatto sociale.

BASE Milano
BASE è il nuovo progetto per la cultura e la creatività a Milano. Un esperimento d'innovazione e contaminazione culturale tra arti, impresa, tecnologia e welfare. Si traduce oggi in 6.000 metri quadri di spazi di lavoro, incubatore, laboratori, residenza d'artista e un calendario fitto di esposizioni, spettacoli, incontri e scambi. Sono stati inoltre avviati a giugno i lavori per gli altri 6000 mq del 2° e 3° piano: nuovi servizi, nuove scrivanie, nuove attrezzature.

INFORMAZIONI

Sharitaly 2017 | Platforms in action
5-6 dicembre 2017

Sede
BASE Milano
Via Bergognone 34 - Milano




lunedì 27 novembre 2017

Timberland e la Fondazione King Baudouin assegnano 80.000 euro a 16 progetti di rigenerazione urbana a Milano

TIMBERLAND E LA FONDAZIONE KING BAUDOUIN HANNO ANNUNCIATO
I VINCITORI DEL BANDO DI URBAN GREENING 'MY PLAYGREEN'

Il bando My PlayGreen supporta 16 progetti di rigenerazione urbana a Milano,
per uno stanziamento totale di 80.000 euro
per favorire l'accesso dei bambini e delle loro famiglie agli spazi verdi della città





Timberland è da sempre un brand impegnato sul fronte della sostenibilità e lo conferma con l'edizione milanese del bando My Playgreen, i cui 16 vincitori sono stati annunciati il 24 novembre, presso la Triennale di Milano, durante una conferenza organizzata da Fondazione Cariplo per il progetto Urban Promo.

80.000 euro sono stati stanziati a favore della rivalutazione di piccole realtà green presenti sul territorio urbano milanese, dove il brand interviene da diversi anni con numerose attività ambientali e sociali, avvalendosi da sempre di partner prestigiosi tra i quali spicca il nome di Legambiente.

My Playgreen: un fondo per premiare i progetti di urban greening per la società

Timberland e King Baudouin Foundation hanno unito le forze per creare, mantenere e migliorare gli spazi verdi di cinque città europee - Londra, Milano, Berlino, Parigi e Barcellona - attraverso My Playgreen, un programma di donazioni della durata di 5 anni, con fondi fino a 5,000 euro a progetto.

Il bando lanciato a Milano in occasione dell'annuale Earth Day organizzato da Timberland, supporta 16 progetti nell'area metropolitana per mezzo dei quali verranno riqualificati 31.000 metri quadrati di territorio e coinvolti 25.000 bambini per la realizzazione di spazi per giochi all'aria aperta.

I progetti vincitori sono stati scelti da una giuria di esperti locali – Lucia Martina, Segretario Generale Fondazione Lang Italia; Barbara Meggetto, presidente Legambiente Lombardia Onlus; Marcello Magoni, architect/researcher/professor Politecnico di Milano; Federico Beffa, Programm Officer Fondazione Cariplo; Chiara Bisconti, Responsabile del programma di Wellness et Inclusion a Nestle, mebro del consiglio d'amministrazione di Parco Nord Milano; Emanuele Bompan, giornalista ambientale - con l'obiettivo di avvicinare le fasce più giovani della popolazione agli spazi verdi, nel tentativo di risolvere lo svantaggio dato dalla mancanza di aree naturali nel contesto urbano.

"Crediamo nel potere delle comunità di rigenerare le città attraverso spazi verdi più accessibili. Per questo motivo abbiamo scelto di premiare progetti su piccola scala, che solitamente fanno più fatica ad accedere ai fondi, ma che con un piccolo investimento economico possono fare la differenza nelle loro comunità di riferimento" ha affermato Anna Maria Rugarli, Senior Director Sustainability & Responsibility VF EMEA.

Tra i vari progetti finanziati ci sono orti urbani, iniziative per conservare la biodiversità, aree verdi per favorire l'inclusione e l'incontro tra diverse culture, giardini sensoriali ed esperienzali per conoscere e fare esperienza della città in un modo nuovo e entusiasmante.

L'iniziativa rinnova l'impegno di Timberland nei confronti del capoluogo lombardo: da oltre 10 anni il brand supporta infatti Legambiente Lombardia e grazie a questa collaborazione dal 2007 a oggi, sono stati piantati nell'area milanese 21,000 alberi, di cui 10,000 dagli stessi dipendenti Timberland impegnati in attività di volontariato aziendale.

Progetto di respiro internazionale, My Playgreen, dopo Londra nel 2016 e Milano nel 2017, continuerà fino al 2020, toccando altre tre importanti realtà metropolitane europee: Berlino nel 2018, Parigi nel 2019 e infine Barcellona nel 2020.

Di seguito l'elenco dei progetti vincitori supportati dal bando My Playgreen - Milano:

Area Rìdef, Ortissimi
Acli Milanesi, Aria Aperta
Giardino Nascosto, 5 Sensi Per Crescere E Giocare
Ambienteacqua Onlus, Il Cortile Che Vorrei
La Strada Società Cooperativa Sociale, La Campagna Sotto Casa
Piccola Scuola Di Circo Società Sportiva Dilettantistica Arl, Un Circo In Giardino
Associazione Culturale Amazelab Arte, Cultura E Paesaggio, Alveari Urbani
Associazione Culturale Nuovo Armenia, Cose Mai Viste, Un Giardino Per Coltivare Il Dialogo Tra Popoli, Seminare Nuove Convivenze E Far Fiorire Inedite Relazioni.
Fondazione Brodolini Mettiamoci In Gioco
• Campacavallo Associazione Sportiva Dilettantistica
, Gardencircus
Cascinet, Naturami
Assemblea Dei Genitori Della Scuola Primaria Renzo Pezzani Di Via Martinengo, Milano, Nella Mia Scuola C'è Il Giardino Che Vorrei
Fondazione Mission Bambini Onlus, Un Orto Per Tutti!
Associazione Culturale Temporiuso.Net, Green Living Lab San Siro: Le Giovani Generazioni Piantano I Semi Per Un Quartiere Interculturale.
Sos Il Telefono Azzurro Onlus- Linea Nazionale Per La Prevenzione Dell'abuso All'infanzia, A Green Space For Children And Their Detained Parents
Associazione Culturale Terzo Paesaggio, Landscape In Action A Chiaravalle


Informazioni su Timberland
Timberland è leader mondiale nella progettazione, creazione e commercializzazione di calzature, abbigliamento e accessori di qualità per gli amanti dell'outdoor lifestyle. Famoso per il suo originale Yellow Boot lanciato nel 1973, Timberland offre al consumatore un assortimento molto ampio di articoli, con collezioni versatili che riflettono la ricca tradizione del marchio in fatto di qualità artigianale, funzione e stile. Timberland commercializza prodotti lifestyle con i marchi Timberland® e Timberland Boot Company® e calzature e abbigliamento da lavoro con il marchio Timberland PRO®. I suoi prodotti sono venduti nei più importanti centri commerciali e nei negozi specializzati di tutto il mondo, oltre che in punti vendita di proprietà e online. La dedizione che Timberland mostra nel realizzare prodotti di qualità è pari al suo costante impegno verso la responsabilità ambientale e sociale, con l'obiettivo di migliorare i suoi prodotti, il concetto di outdoor e le comunità di tutto il mondo.

Informazioni su VF Corporation
Fondata nel 1899 e divenuta uno delle più grandi realtà al mondo nell'abbigliamento, calzature e accessori lifestyle, VF Corporation (NYSE: VFC) offre ai consumatori di tutto il mondo un variegato portafoglio di marchi iconici come Vans®, The North Face®, Timberland®, Wrangler® e Lee®.
Attiva in numerosi Paesi, diverse categorie merceologiche e canali distributivi, VF agisce nel rispetto dei principi della responsabilità d'impresa e della sostenibilità ed è impegnata a sviluppare prodotti innovativi con l'obiettivo di creare valore a lungo termine per i propri clienti e azionisti.


Informazioni su King Baudouin Foundation
La missione della King Baudouin Foundation è quella di contribuire ad una società migliore. La Fondazione lavora per il cambiamento e l'innovazione, è al servizio dell'interesse pubblico allo scopo di aumentare la coesione sociale in Belgio e in Europa. Cerchiamo di massimizzare le nostra azioni rafforzando la capacità delle organizzazioni e degli individui. Inoltre stimoliamo la filantropia da parte delle persone e delle società. I valori fondamentali della Fondazione sono: l'integrità, la trasparenza, il pluralismo, l'indipendenza, il rispetto della diversità e la promozione della solidarietà. Le attuali aree di attività della Fondazione sono: la povertà e la giustizia sociale, la filantropia, la salute, l'impegno civico, lo sviluppo di talenti, la democrazia, l'integrazione europea, il patrimonio e la cooperazione allo sviluppo. La Fondazione è stata costituita nel 1976 in occasione del 25 ° anniversario del regno di Re Baldovino.

Lambrate: East Market, anche a Natale il vintage è protagonista

East Market, anche a Natale il vintage è protagonista

Torna East Market, che per il periodo delle festività raddoppia con due appuntamenti domenica 3 e domenica 17 dicembre. East Market è il mercatino vintage di Lambrate gratuito, dove tutti possono vendere, comprare e scambiare

La prossima edizione vede tra i consueti 250 espositori attentamente selezionati da tutta Italia Francesca Suardi, che propone gioielli e accessori in tema natalizio. In particolare la bigiotteria americana dagli Anni '50 in poi con decine di spille con i simboli della festa, da Babbo Natale agli alberelli, dal pupazzo di neve alla stella cometa. La tradizione vuole che questi oggetti fossero regalati alle mamme, dai figli che partivano per la Seconda Guerra Mondiale. Nel suo stand anche orecchini, braccialetti e molto altro.  

Antik Vintage Hunter specializzati in Barbour e Belstaff vintage dagli Anni '50 agli Anni '80. oltre ad occhiali da sole e tute da moto originali. Nicola Galise anche noto come "il cravattaio stravagante", un collezionista di cravatte che vanta migliaia di pezzi di ogni genere da Versace Anni '80 a Christian Dior Anni '60, passando per Topolino e Braccio di Ferro. 

Nelle due aree di via Ventura e via Massimiano le proposte sono sempre variegate: collezionisti di modernariato e vintage, artigiani, artisti, grafici, collezionisti di sneakers. Tutti con un comune denominatore: sono rigorosamente selezionati dallo staff di East Market, elemento che fin dall'inizio ha caratterizzato il mercatino e ne è diventato un punto di forza. 

Le categorie merceologiche presenti sono prevalentemente vintage, collezionismo, modernariato, usato, pulci, design e artigianato. Gli oggetti più frequenti: abbigliamento e accessori, scarpe e borse, cd e dischi, mobili e complementi d'arredo, libri, fumetti, poster, riviste e stampe, elettronica, militaria, giochi e videogiochi, riciclo e riuso, stranezze varie, piatti, porcellane e utensili e molto altro ancora.

Per l'edizione di domenica 3 dicembre sarà presente anche speciale area dedicata agli amici a quattro zampe, con lo scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza grazie all'organizzazione di Charity Event Dogs Love Me. Nello spazio appositamente allestito si potranno realizzare ritratti con il proprio cane grazie a un set fotografico professionale oppure stravaganti ritratti vittoriani agli animali.

Ispirandosi ai mercati dell'East London, si propone come un connubio di moda, fai da te, mercato del riciclo che strizza l'occhio alle nuove tendenze del fashion e della musica, con multiformi articoli e idee mai viste prima.

Sempre presente la vinyl area con la migliore selezione di dischi per ogni genere musicale direttamente dagli archivi dei nostri collezionisti più attenti, originali LP 33, 45 e 78 giri, picture disc, flexi, 380 gr e rarità dal rock al rap, dal jazz al pop. Videogame area con cabinati e console vintage, dove giocare tutto il giorno come in una vera sala giochi del passato. 

Sempre aperto anche East Market Diner, lo spazio food & beverage interno firmato e gestito dallo staff di East Market che propone un'offerta culinaria internazionale: dai dumpling cinesi e giapponesi al vapore, ai tacos di pollo, dall'hawaiian sashimi all'East Burger, l'Avocado Burger e il tipico jerk chicken jamaicano. 

Birra, bibite e dolci sempre disponibili all'interno del market nei vari punti ristoro. DJ set pomeridiani con il meglio delle selezioni musicali del momento e del passato e ancora East Market Shop, il corner dove è possibile acquistare il merchandise ufficiale di East Market tra magliette, tazze e gadget.


Domenica 3 dicembre
dalle 10 alle 21
Via Privata Giovanni Ventura, 14 – Milano
Ingresso Libero
Infoline 3920430853



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 24 novembre 2017

Le B Corp raddoppiano: l’incontro a Milano per celebrare le “Best for Italy 2017”

L’Italia conferma il primato europeo per numero di aziende, il doppio rispetto al 2016, che hanno raggiunto il prestigioso riconoscimento conferito da B Lab.
photo credits Giulia Manelli 

Milano, 24 novembre 2017 – Si è riunita ieri a Milano la comunità italiana delle B Corp per festeggiare il primato europeo raggiunto nel corso del 2017 per numero di aziende che hanno superato il processo di certificazione internazionale più severo del business. Su oltre 70.000 aziende in 60 paesi, solo 2337 hanno superato il traguardo e di queste 80 sono italiane.

L’Università di Harvard ritiene che sia il modello di impresa necessario per creare un futuro prospero e che abbia la forza di trasformare il corso del capitalismo. Le B Corp, come riassume il Nobel per l’economia Robert Shiller, uno dei più autorevoli sostenitori del movimento, sono imprese a doppia finalità, imprese cioè che hanno deciso volontariamente di perseguire, al pari del profitto, un’ulteriore finalità: ottenere nell’esercizio dell’attività economica un impatto positivo sulla società e sul pianeta, per contribuire a vincere le più importanti sfide del secolo.

Il modello è nato negli Stati Uniti nel 2006 e si è rapidamente sviluppato in tutto il mondo. L’Italia è presto diventata anche terreno di innovazione ulteriore sul tema, quando a gennaio 2016 è diventato il primo Stato al mondo, al di fuori degli Stati Uniti, ad introdurre nel proprio ordinamento anche una forma specifica per riconoscerle e promuoverle: la Società Benefit. In questi mesi si sono trasformate in Società Benefit più di 200 aziende italiane.

All'evento “B Corp Italia 2017” organizzato da Nativa, una delle aziende fondatrici del movimento B Corp in Europa, hanno partecipato rappresentanti delle 80 aziende italiane e esponenti del movimento internazionale.

“L’Impatto positivo creato è la nuova misura del successo per un’azienda - ha commentato Marcello Palazzi, Global Ambassador delle B Corp - Le 2.300 B Corp di 60 paesi, dimostrano che un nuovo modo di fare impresa a beneficio delle persone e del pianeta è assolutamente possibile.“

Evento nell’evento, la premiazione delle Best For Italy 2017, le B Corp che si sono contraddistinte nel 2017 per particolari meriti e azioni in termini di Impatto e Interdipendenza, valori chiave dell’intero movimento. Le aziende attraverso i propri prodotti, servizi, pratiche e profitti possono ambire a creare beneficio per tutti riconoscendo che siamo dipendenti gli uni dagli altri e quindi responsabili gli uni verso gli altri e verso le generazioni future.

Le B Corp premiate sono state: Little Genius International SB, InVento Innovation Lab, WAMI SB, DLM Partners, Salcheto, Damiano SB, PerMicro, Goodpoint, Fratelli Carli, Pasticceria Filippi SB, Antica Erboristeria SB, Mondora SB, Goldmann & Partners.

Cosa sono le B Corp - Nate negli Stati Uniti nel 2006 e oggi in rapida diffusione in tutto il mondo, le B Corp sono aziende che formano un movimento globale che va oltre l’obiettivo del profitto per innovare attraverso un impatto positivo verso le persone, l’ambiente e le comunità in cui operano. Le B Corp sono aziende che agiscono secondo i più alti standard di responsabilità e misurano in modo rigoroso e trasparente i propri impatti. Il protocollo di misura degli impatti B Impact Assessment (BIA) è il più robusto e diffuso protocollo di misurazione delle performance complessive - economiche, ambientali e sociali - di un’azienda, ed è già stato adottato da 70.000 aziende e oltre 100 istituzioni finanziarie. Anche diverse amministrazioni pubbliche promuovono oggi il modello B Corp per favorire la nascita di aziende ad impatto positivo all’interno dei propri territori, tra queste città come New York, Denver, Philadelphia, Rio de Janeiro, Ginevra.

B Lab è un’organizzazione non profit, fondata nel 2006, al servizio di un movimento globale che ha l’obiettivo di diffondere un paradigma più evoluto di business. La visione è che un giorno tutte le aziende competano non solo per essere le migliori al mondo ma essere le migliori per il mondo. B Lab promuove questo cambiamento sistemico attraverso: 1) la creazione di una comunità di B Corp Certificate, in modo da rendere evidente e chiara per tutti la differenza tra “Buone Aziende” e un ‘buon marketing’; 2) l’introduzione di una specifica legislazione sulle Benefit Corporation, o Società Benefit, per dare agli imprenditori la libertà di creare valore per tutti gli altri stakeholder, oltre che per gli azionisti; 3) il supporto ad aziende che vogliano misurare, confrontare e migliorare i propri impatti sociali e ambientali attraverso l’uso dello strumento gratuito B Impact Assessment (BIA); 4) l’orientamento dei capitali e degli investimenti ad impatto attraverso la diffusione della piattaforma B Analytics e dello standard di rating GIIRS. A B Lab sono stati assegnati lo Skoll Award for Social Entrepreneurship 2014 e il McNulty Prize di Aspen Institute 2015.
www.benefitcorporation.net | www.bcorporation.eu

Nativa è una Re-Design company. Promuove l’evoluzione del business e della società, per produrre un impatto positivo sulle persone e il pianeta e creare felicità condivisa. Nativa è una delle aziende fondatrici del movimento B Corp in Europa, è stata la prima B Corp in Italia e nel 2016 è stata riconosciuta Most Valuable Player del movimento globale delle Benefit. Ha promosso l’introduzione in Italia della forma giuridica di Società Benefit. Nativa aiuta le aziende a incorporare la sostenibilità nel loro DNA, migliorando i risultati di business e creando prosperità durevole e condivisa. Nativa è partner della non profit B Lab per la diffusione delle B Corp e Società Benefit in Italia, cofondatrice di Croqqer BV e Singularity University Italy.
www.nativalab.com

giovedì 23 novembre 2017

MN compie 20 anni e apre a Milano MN Lab - MN 20 dal fax al digital fino al branded content, in un nuovo spazio dove sperimentare soluzioni di comunicazione


MN COMPIE 20 ANNI E APRE A MILANO MN LAB
MN20, DAL FAX AL DIGITAL FINO AL BRANDED CONTENT
IN UN NUOVO SPAZIO DOVE SPERIMENTARE SOLUZIONI DI COMUNICAZIONE
MN compie 20 anni e, per l'occasione, inaugura i nuovi uffici di Milano, MN LAB.
Nata nel 1997, a Roma, come agenzia di comunicazione focalizzata principalmente sull'attività di ufficio stampa nel mondo dello spettacolo musicale e televisivo, in questi 20 anni MN ha fatto della sperimentazione su nuove modalità di comunicazione il suo tratto distintivo.
Ha puntato costantemente sullo sviluppo, investendo in risorse, in progetti di comunicazione complessi, in nuove aree di mercato, in infrastrutture tecnologiche e informatiche a sostegno di una organizzazione aziendale strutturata ma dinamica — l'introduzione dello smart working nel 2016 ne è espressione concreta — come il mondo della comunicazione, soprattutto oggi, richiede.
Negli anni, MN ha saputo interpretare i continui cambiamenti che il settore ha imposto ed è arrivata a costruire, oggi, una media-company, una Holding che raggruppa società dalle attività diverse che operano in sinergia tra loro, con il risultato di poter pensare e realizzare per i propri clienti progetti di comunicazione complessi, di declinare un "messaggio" attraverso le molteplici leve e strumenti della comunicazione.
MN, che ha chiuso il 2016 con un fatturato di 10 mln di euro, offre attraverso MN Italia, attività di pr e media relation; con Level 33, ideazione e realizzazione per i brand di contenuti video per tv e web; con OBO Digital parla al mondo dei social e del web con progetti di web marketing, e sviluppa attività di comunicazione visiva e animation graphics per contenuti video.
Con The Union si occupa di management con un lavoro che ha come obiettivo fondamentale il percorso di comunicazione del talent.
Hub4Brand, è la società che dialoga con i brand per i progetti di comunicazione che riguardano le produzione tv e i talent. Infine, il settore eventi di MN è specializzato nell'ideazione e nella produzione di eventi con finalità di comunicazione.
Negli uffici di Roma e Milano, gli oltre 50 dipendenti delle società operano in sinergia sui progetti in ambito corporate, spettacolo, turismo, sport e food per clienti nazionali e internazionali.
I nuovi uffici di Milano saranno inaugurati lunedì 27 novembre, in una ex cartiera in Via Vannucci 16, uno spazio aperto, senza barriere e coerente, nell'immagine e nella funzionalità, con il sistema MN. Lo spazio è pensato per poter ospitare produzioni video, shooting fotografici, presentazioni, eventi, showcase.
Lo sviluppo non si ferma mai: MN sta già lavorando ad una nuova area di business dedicata alla realizzazione di progetti nel mondo del food, sia in ambito televisivo e web che sul territorio.







--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 17 novembre 2017

Milano, 18 novembre. A BookCity la guida alla Milano interculturale realizzata dalle donne migranti

Milano, 18 novembre 2017 – Auditorium del MUDEC, ore 17

GIROGIROMONDO, alla scoperta della Milano interculturale insieme alla donne migranti

A BookCity Milano presentazione della guida realizzata dalle corsiste del Centro Italiano per Tutti di iBVA sulle tracce delle comunità straniere in città

Una guida di Milano frutto del lavoro di ricerca di un gruppo di donne provenienti da nove diversi paesi (Brasile, Egitto, Marocco, Moldavia, Perù, Polonia, Romania, Russia e Ucraina) che ora risiedono nel capoluogo lombardo e che, attraverso lo studio di fonti documentarie e sopralluoghi sul campo, hanno scovato le tracce storiche e i segni attuali della presenza della loro comunità di appartenenza in città.

È GIROGIROMONDO - Guida al patrimonio interculturale della Milano etnica, realizzata dalle studentesse dei corsi di lingua e cultura italiana del Centro Italiano per Tutti di iBVA, associazione non profit che opera a favore dei minori e delle famiglie italiane e straniere in condizioni di disagio sociale ed economico per promuovere una città solidale.

La guida sarà presentata sabato 18 novembre alle 17, a Milano presso l'Auditorium del MUDEC - Museo delle Culture (via Tortona 56), in occasione dell'incontro, a ingresso libero, "Mondi in città. Conversazione sulla consapevolezza civica". 

Interverranno il direttore di iBVA Agostino Frigerio, la professoressa Franca Zuccoli dell'Università Bicocca, Marzia Pontone della Comunità di Sant'Egidio, Elisabetta Strada, consigliere comunale di Milano, e alcune autrici della guida. 

La presentazione è inserita all'interno del calendario di BookCity Milano, manifestazione che mette al centro di una serie di eventi diffusi sul territorio il libro e i lettori come motori e protagonisti dell'identità della città e delle sue trasformazioni.

Il progetto GIROGIROMONDO nasce dalla consapevolezza che conoscere il luogo in cui si vive è il primo passo per amarlo, rispettarlo e tutelarlo. L'obiettivo del lavoro è quello di sviluppare nelle corsiste il senso di appartenenza e il desiderio di partecipazione alla vita civica milanese attraverso la valorizzazione del protagonismo culturale delle loro comunità di appartenenza nella storia cittadina.

All'interno del libro a ogni nazionalità è dedicata una sezione che raccoglie, oltre a notizie storiche sull'arrivo dei migranti in città, informazioni sulle istituzioni e le associazioni di riferimento, i luoghi di ritrovo abituali, i mezzi di informazione consultati, le biografie di connazionali celebri che hanno lasciato un'impronta nel capoluogo lombardo. 

Il risultato è una guida che mette in rilievo l'apporto delle diverse comunità straniere nella costruzione di una Milano sempre più internazionale, connotata da prestiti culturali, scambi e interazioni fra popoli diversi, nella quale vecchi e nuovi abitanti condividono luoghi di lavoro e di culto, spazi ricreativi ed associativi, momenti di convivialità e socialità.

La guida GIROGIROMONDO rientra in un più ampio percorso storico-culturale sulla città di Milano che ha coinvolto le corsiste del Centro Italiano per tutti di iBVA in altri progetti. Nell'ambito della passata edizione di BookCity, in particolare, è stato presentato lo spettacolo "Zibaldonne. Le donne migranti raccontano le milanesi illustri", tratto dall'omonima antologia di biografie realizzata nel corso delle lezioni.



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 16 novembre 2017

Cultura. BOOKCITY MILANO 2017. LE VOCI DELLA CITTÀ. Una maratona di lettura ad alta voce, 18-19 novembre, Padiglione Visconti

BOOKCITY MILANO 2017

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre
(con una pausa fra le 3.00 e le 9.00)
Padiglione Visconti
(via Tortona 58 – Milano)
LE VOCI DELLA CITTÀ
Una maratona di lettura ad alta voce
Progetto ideato e curato da Daniele Abbado

A partire dalle 18 di sabato 18 novembre fino alle 12 di domenica 19 novembre (con una pausa fra le 3.00 e le 9.00), al Padiglione Visconti (via Tortona 58), verrà proposta la seconda edizione di LE VOCI DELLA CITTÀ – Una maratona di suoni, luci, voci, un progetto ideato e curato da Daniele Abbado, con la collaborazione di Marco Zapparoli. L'ingresso è libero.

Una grande maratona di lettura della durata di dodici ore sul tema delle Lettere luterane. Al testo-guida di Pier Paolo Pasolini si intersecheranno altri testi collegati ai temi chiave dei suoi scritti e altri che ne amplificano le risonanze in differenti contesti. Si alterneranno letture e interventi musicali. L'evento coinvolge volontari, scrittori, musicisti, artisti, le comunità internazionali sul territorio.
L'iniziativa è organizzata in collaborazione con il Teatro alla Scala. Con la partecipazione dell'Accademia Teatro alla Scala, del Forum della città mondo, Associazione città mondo, della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, di SONG onlus - Sistema Orchestre e cori giovanili in Lombardia.
La seconda edizione della Maratona, per la regia di Daniele Abbado, dedicata a Cristina Mondadori, si presenta multiforme.
Sui tre palchi dello splendido Padiglione Visconti del Teatro alla Scala, animato da suoni e luci avvincenti, si avvicenderanno ben tre conduttori, più di cento fra attori, lettori volontari, musicisti, artisti, blogger e performer.
I conduttori saranno Tommaso Sacchi, Marta Perego, Massimo Cirri.

Assieme al regista Daniele Abbado, alle 18.00 in punto taglia il nastro Filippo Del Corno che legge uno splendido brano di José Antonio Abreu, dedicato al potere della musica.

La formula prevede una miscela di testi di Pasolini, otto Lettere Luterane, una splendida poesia su Marilyn Monroe, brani dalla Rabbia, testi di autori suoi contemporanei e autori di oggi: da Volponi, Parise e Sciascia si arriva a Maggiani, Giacopini, Nesi, Pusterla, passando da Tondelli, Gombrowicz, Vian, Enzensberger e Don De Lillo e una selezione di brani di Marc Augé (letti da Luca Formenton e Piergaetano Marchetti, due dei quattro presidenti dell'Associazione Bookcity, e da Stefano Parise, Direttore del Sistema Bibliotecario di Milano).

Molti gli autori ospiti. Fra questi, Nicola Lagioia, legge un brano inedito che parla di Roma alle 18.45, a seguire Omar Robert Hamilton, importante testimone della realtà al Cairo; alle 20.00 Gianni Biondillo, che raggiunge "Voci della città" con ben 100 seguaci della sua camminata del progetto Festival delle Metropoli, Marco Baliani nella duplice veste di autore e di attore, Kader Abdolah – letto da Irene Grazioli - che racconta di come l'apertura della linea del treno apra le porte al mondo e cambi tutto, Shi Yang Shi, giovane autore italo cinese che nella vita ha fatto di tutto, Attori bravissimi, fra cui ricordiamo Arianna Scommegna, Renato Sarti, Franco Sangermano, Annina Pedrini, Paolo Bessegato, Cinzia Spanò, Massimo Loreto, Tina Venturi; i giovani Valentina Picello, Chiara Claudi e Loris Fabiani, il giovanissimo Federico Gariglio.

Le musiche. Grazie alla consulenza di Ricciarda Belgioioso, si alternano momenti "classici", contemporanei e di altra natura spaziano da Bach a Stockhausen, da Mozart, Verdi all'elettronica, al canto corale e alle miscele incandescenti degli Ottavo Richter cui si alternano diverse presenze di musiche etniche e la partecipazione attiva del Forum.

Dal basso Michail Petrenko, impegnato alla Scala nel Nabucco di Verdi, ai bambini kenyani del gruppo familiare Kambilolo, dall'eclettico e generoso Moni Ovadia ai galvanizzanti African Griot che con le  loro percussioni faranno vibrare gli spazi del Visconti, al polifiatista Mirco Ghirardini, il grande coro plurilingue "Coro dei Leoni", al percussionista Beneventi, al trombettista Mario Mariotti che dedica in quartetto un inedito a Pasolini, e così pure Walter Prati che offre basi elettroniche a supportare con ritmo stringente la voce di Pasolini. 

La maratona coinvolge inoltre Giorgina Cantalini, attrice – leggerà anche lei - e docente  "Maestra" dei Lettori volontari (sono più di cinquanta, e leggono di tutto: da Pasolini a Ken Saro Wiwa) nonché Alberica Archinto e la Scuola Civica di Teatro Paolo Grassi.
Produzione esecutiva: Accapiù.





Nasce Living Suavinex Milano, lo spazio polifunzionale dedicato alla famiglia: la community Suavinex da virtuale diventa reale



La community Suavinex da virtuale diventa reale:
nasce Living Suavinex Milano, lo spazio polifunzionale dedicato alla famiglia

Via Solari 11 a Milano è il nuovo ed esclusivo indirizzo dove condividere esperienze, emozioni e informazioni legate all'universo della genitorialità, dei bimbi e della famiglia.

Mercoledì 15 novembre ha aperto Living Suavinex Milano, il primo centro polifunzionale e flagship store nato per accogliere future e neo mamme, bimbi e tutta la famiglia. Il soul brand spagnolo Suavinex, realtà di riferimento da oltre 30 anni nella puericultura leggera, ha voluto creare un luogo dove la sua community ha la possibilità di confrontarsi, grazie anche all'aiuto di esperti, su temi come la gravidanza, lo svezzamento e l'educazione dei bimbi.

Nato per diventare il punto di riferimento per tutta la famiglia contemporanea, oltre ai corsi pre e post parto, Living Suavinex Milano dispone di due palestre dedicate ai grandi e a più piccoli, di spazi riservati a consulenze, oltre a un bistrò dove socializzare, rilassarsi e confrontarsi su emozioni ed esigenze legate al mondo della maternità.

Living Suavinex Milano vuole essere un centro polifunzionale unico nel suo genere che propone: corsi, eventi, incontri e consulenze professionali (saranno presenti pediatri, ostetriche, psicologi e trainer). Dal design moderno e ricercato, caratterizzato dai tenui colori pastello, accoglienti e rilassanti, presenta zone dedicate alla nursery e all'allattamento dove ogni mamma potrà fermarsi in serenità oltre a uno spazio a misura di bambino fino a 3 anni.

La progettazione, a cura dello studio di architettura Progetto e Paesaggio, ha saputo infatti tradurre l'essenza del brand Suavinex, definendo ambienti dove la famiglia contemporanea si riconosce e vive un'esperienza completa trovando risposte alle specifiche esigenze di ciascuno.

Per tutti gli appuntamenti di Suavinex Milano si può consultare il sito milano.livingsuavinex.it e i canali social dedicati.

"Il mercato italiano si mostra decisamente ricettivo all'offerta di prodotti di puericultura leggera. Questo consente la coesistenza di brand di qualità protagonisti in questo settore, ciascuno con le proprie peculiarità. Con il nuovo Living Suavinex di Milano crediamo di poter contribuire ad ampliare le possibilità di scelta delle famiglie con una proposta che si contraddistingue per freschezza, attenzione ai trend emergenti ed empatia con le esigenze delle famiglie", ha dichiarato Silvia Neirotti, Country Manager Suavinex Italia.


Suavinex marchio leader in Spagna nel settore della puericultura leggera dal 1983, fornisce la gamma più innovativa e completa di soluzioni pensate per garantire il benessere sia dei bambini che dei genitori: supporto all'allattamento artificiale, suzione e dentizione, elementi di sterilizzazione e pulizia utensili e accessori di alta gamma all'insegna della massima qualità e sicurezza. Suavinex è presente in 20 Paesi a livello internazionale.

--
www.CorrieredelWeb.it



MILANO. LA CITTÀ CHE SALE CELEBRATA DA VIDEO INEDITO TOPUNTOLI


MILANO. LA CITTÀ CHE SALE CELEBRATA DA MILANO CONTRACT DISTRICT

L'innovazione e la crescita verso l'alto del capoluogo lombardo raccontati attraverso un video inedito di Stefano Topuntoli
Image
Ambizioni, sfide, sogni, dinamismo e proiezione verso l'alto, in tutti i sensi. Questi gli attributi che rendono Milano la città più attrattiva non solo dal punto di vista socio-economico ma anche da quello architettonico, urbanistico, immobiliare.

A raccontare come il capoluogo lombardo si sia trasformato in questi ultimi anni, un video inedito realizzato da Interni con bellissime immagini del fotografo Stefano Topuntoli. Il video è stato presentato in anteprima assoluta nella splendida cornice di Milano Contract District, il concept showroom candidato al prestigioso premio Compasso d'Oro 2018 che abbina esclusivi servizi e strategie per il Real Estate ai migliori brand di interior e home design.

Dal Portello all'area Fiera Rho-Pero, da Rogoredo a Porta Nuova, passando per i nuovi quartieri di City Life, Maciachini District/Via Imbonati, l'Expo Village, Porta Vittoria, fino alle architetture di Fondazione Feltrinelli e Fondazione Prada, l'Università Bocconi, e alla prossima riqualificazione degli Scali Ferroviari, Milano assume un volto internazionale con edifici divenuti non solo vere e proprie icone dello skyline cittadino ma anche nuovi luoghi di incontro e aggregazione, finalizzati a valorizzare la loro duplice funzione commerciale e residenziale.

A commentare l'ambizione di "Milano. La città che sale" è intervenuto l'Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno che ha sottolineato l'importanza di coinvolgere l'intero spazio urbano nel processo di sviluppo metropolitano. "La nostra prima preoccupazione è far si che la crescita di Milano avvenga ad un'unica velocità e riesca a coinvolgere tutte le classi sociali e tutte le componenti culturali della città. Il valore simbolico prefigurato un secolo fa dal dipinto del Boccioni – continua l'Assessore - si è perfettamente immedesimato con l'immagine attuale dei nuovi edifici e delle nuove costruzioni, ma le sfide che ci attendono sono moltissime e sono evocate anche in questo video. In particolare, il tema della riconversione degli scali ferroviari, sarà un momento di grande ulteriore trasformazione. Ma il nostro obiettivo di crescita, deve essere condiviso come una responsabilità nazionale. In un momento in cui il Paese attraversa momenti di grande difficoltà, la reputazione che Milano ha oggi nel mondo è una straordinaria piattaforma di sviluppo non soltanto per far salire la città ma per far crescere l'intero Paese."

Image

--

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *